vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 441 del 23/03/2019

SANITÀ. LANZARIN SUL FUTURO DEL SAN BASSIANO: “CON LA SALUTE NON SI SCHERZA: NESSUNA DECISIONE È STATA PRESA E SIAMO APERTI AD ACCOGLIERE TUTTE LE OSSERVAZIONI”

23/mar/2019 | SANITÀ. LANZARIN SUL FUTURO DEL SAN BASSIANO: “CON LA SALUTE NON SI SCHERZA: NESSUNA DECISIONE È STATA PRESA E SIAMO APERTI AD ACCOGLIERE TUTTE LE OSSERVAZIONI”

Notizia n. 437 del 22/03/2019

SCARICABILI MATERIALI RELATIVI ALL’INCONTRO TRA IL PRESIDENTE LUCA ZAIA E L’AD DI EDISON MARC BENAYOUN

22/mar/2019 | SCARICABILI MATERIALI RELATIVI ALL’INCONTRO TRA IL PRESIDENTE LUCA ZAIA E L’AD DI EDISON MARC BENAYOUN

Notizia n. 440 del 22/03/2019

DOMANI ZAIA E MINISTRO BUSSETTI A CODOGNE’ E A CONEGLIANO

22/mar/2019 | DOMANI ZAIA E MINISTRO BUSSETTI A CODOGNE’ E A CONEGLIANO

Notizia n. 439 del 22/03/2019

LANZARIN A CONFRONTO CGIL SU DIRITTO ALLA SALUTE. “CARENZA MEDICI E’ NAZIONALE MA LA REGIONE SI MUOVE DA SE’. NO SECCO A ADDIZIONALE IRPEF. PRONTI AL TAVOLO COL GOVERNO PER NUOVO PATTO DELLA SALUTE”

22/mar/2019 | LANZARIN A CONFRONTO CGIL SU DIRITTO ALLA SALUTE. “CARENZA MEDICI E’ NAZIONALE MA LA REGIONE SI MUOVE DA SE’. NO SECCO A ADDIZIONALE IRPEF. PRONTI AL TAVOLO COL GOVERNO PER NUOVO PATTO DELLA SALUTE”

SCUOLA: ASSESSORE DONAZZAN, “DA MINISTRO BUSSETTI PROPOSTE INTELLIGENTI E DI BUON SENSO”

Comunicato stampa N° 49 del 15/01/2019
 (AVN) Venezia, 15 gennaio 2019

“Condivido in pieno le proposte del ministro Bussetti: gli insegnanti che vincono il concorso hanno il diritto-dovere di insegnare, una volta superata la selezione nazionale abilitante. Basta costosi corsi di ulteriore qualificazione. E ben venga la clausola della continuità didattica: una volta entrati in ruolo, i docenti dovranno rimanere nella stessa sede per almeno 5 anni”. L’assessore alla scuola della Regione Veneto, Elena Donazzan, esprime totale apprezzamento per le proposte formulare dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti al congresso nazionale Confsal.

“Snellire e velocizzare il reclutamento degli insegnanti è la prima condizione per lasciar spazio ai giovani, garantire il turn over e assicurare così l’innesto di giovani professionalità nel corpo docenti. Ben venga quindi la proposta del ministro di eliminare i corsi abilitanti e di assumere direttamente i vincitori del concorso nazionale, dopo un anno di prova. Così si snellisce il reclutamento di nuovi insegnanti, si danno certezze ai neolaureati meritevoli”.

“Auspico – conclude Donazzan – che i concorsi siano banditi sulla base dell’effettivo fabbisogno delle piante organiche dei docenti delle scuole di diverso ordine e grado, in modo da garantire la piena copertura dei posti in tutto il territorio nazionale”.


Data ultimo aggiornamento: 15/01/2019

scuola elena donazzan