vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 72 del 18/01/2019

PRESIDENTE ZAIA RINGRAZIA SOTTOSEGRETARIO ALL’AMBIENTE GAVA: “UTILE IL SUO SOLLECITO A TUTTI GLI ENTI COMPETENTI A FARSI TROVAR PRONTI PER I MONDIALI DI CORTINA DEL 2021”

18/gen/2019 | Lo afferma il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, in riferimento a quanto scritto dal sottosegretario Vannia Gava, in una lettera inviata oggi al ministro dell’ambiente, al presidente della Commissione Via e al direttore Valutazioni Ambientali.

Notizia n. 71 del 18/01/2019

ASSESSORE DE BERTI: “DAI LAVORI PER LA TAV UN’OPPORTUNITÀ PER REALIZZARE UN NUOVO SISTEMA DI TRASPORTO METROPOLITANO A VERONA”

18/gen/2019 | L’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti, valuta così le prospettive per il nodo ferroviario scaligero conseguenti alla realizzazione della nuova linea dell’Alta Velocità ‘Brescia-Padova’ che libererebbe a un uso ‘regionale’ i binari oggi utilizzati.

Notizia n. 70 del 18/01/2019

DOMANI ASSESSORE LANZARIN AD AVVIO CANTIERE DEL CENTRO ANZIANI BON BOZZOLLA DI FARRA DI SOLIGO (TREVISO)

18/gen/2019 | DOMANI ASSESSORE LANZARIN AD AVVIO CANTIERE DEL CENTRO ANZIANI BON BOZZOLLA DI FARRA DI SOLIGO (TREVISO)

Notizia n. 69 del 18/01/2019

FONDO UNICO PER LO SPETTACOLO: ASSESSORE CORAZZARI, "REGIONALIZZARE LE RISORSE È PRINCIPIO DI BUON SENSO, NO AL CENTRALISMO MINISTERIALE"

18/gen/2019 | FONDO UNICO PER LO SPETTACOLO: ASSESSORE CORAZZARI, "REGIONALIZZARE LE RISORSE È PRINCIPIO DI BUON SENSO, NO AL CENTRALISMO MINISTERIALE"

TRENTA MILIONI DI EURO PER LA SOPPRESSIONE DI 50 PASSAGGI A LIVELLO NEL VENETO: FIRMATO PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE E RFI

Comunicato stampa N° 1958 del 10/12/2018
 (AVN) – Venezia, 10 dicembre 2018
 
Regione del Veneto e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa per la soppressione di 50 passaggi a livello attraverso la realizzazione di interventi di carattere meramente viabilistico, senza alcuna opera sostitutiva. 
 
Queste le linee ferroviarie interessate e i relativi passaggi a livello che saranno soppressi: 
 
Verona – Rovigo, 18 passaggi a livello:
- Isola della Scala: km 28+213 - km 29+364;
- Cerea: km 130+556;
- Villabartolomea: km 60+974 - km 63+170;
- Castagnaro: km 65+982;
- Badia Polesine: km 74+792 - km 76+090;
- Lendinara: km 77+365 - km 78+201 - km 80+249 - km 81+265 - km 82+000 - km 83+495;
- Costa di Rovigo: km 93+712 - km 94+444;
- Rovigo: km 97+204 - km 98+322; 
Rovigo – Chioggia, 5 passaggi a livello:
- Rovigo: km 3+044;
- Adria: km 21+296;
- Chioggia: km 44+415 - km 49+493 - km 54+684;
Mantova - Monselice (tratto veneto), 11 passaggi a livello:
- Nogara: km 112+494;
- Sanguinetto: km 122+344;
- Montagnana: km 144+595 - km 145+280;
- Megliadino di Borgo Veneto: km 153+638;
- Saletto: km 155+47 - km 156+112 - km 158+109;
- Ospedaletto Euganeo: km 160+045;
- Este: km 163+034 - km 165+047;
Verona – Modena (tratto veneto), 4 passaggi a livello:
- Villafranca: km 80+572 - km 81+600 - km 82+965 - km 86+294;
Vicenza – Schio, 3 passaggi a livello:
- Thiene: km 23+215 - km 23+435;
- Marano: km 24+617;
Vicenza – Treviso, 1 passaggio a livello:
- Vedelago: km 42+680;
Treviso – Calalzo, 2 passaggi a livello:
- Belluno: km 88+521 - km 89+426;
Treviso – Portogruaro, 1 passaggio a livello:
- Pramaggiore: km 44+662;
Bassano – Padova, 5 passaggi a livello:
- Tombolo: km 18+740;
- Villa del Conte: km 20+535;
- Santa Giustina in Colle: km 23+554 - km 24+539 - km 25+255.
 
L’accordo prevede che la Regione del Veneto effettui la progettazione e la realizzazione degli interventi, mentre RFI si impegna a finanziare integralmente i costi sia della predisposizione dei progetti sia dell’attuazione dei lavori, per un importo complessivo di 30 milioni di euro.
 
“Con queste risorse – spiega l’assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti, Elisa De Berti – puntiamo a rimuovere alcuni punti critici intervenendo sulla viabilità stradale esistente, ottenendo anche notevoli benefici sulla regolarità del servizio ferroviario”.
 
L’accordo di oggi deriva dal Protocollo d’Intesa firmato a luglio dello scorso anno, con il quale si definì il programma di soppressione di passaggi a livello sull’intero territorio Veneto. In quell’occasione vennero stanziati 117,6 milioni di euro complessivi, dei quali 45,6 a carico della nostra Regione. L’attuazione degli interventi previsti dal protocollo di luglio 2017 è in corso: la Regione ha già predisposto una serie di progetti e li ha consegnati a RFI che si sta accingendo a dare il via ai relativi lavori. 
 
“È emersa nel frattempo l’opportunità – precisa l’assessore De Berti –, al fine di accelerare il più possibile l’azione complessiva, di concentrare l’attenzione verso quei 
punti di intersezione ‘a raso’ tra binari e strada la cui eliminazione risulta progettualmente più semplice ed economicamente meno impegnativa, massimizzando in tal modo il numero degli interventi attraverso la limitazione, per quanto possibile, delle più costose opere sostitutive, come i sottopassi o i cavalcavia. Questi ulteriori 30 milioni di euro stanziati da RFI, che vanno ad aggiungersi ai suddetti 117,6 milioni, sono finalizzati esattamente alla realizzazione di questo genere di interventi”.
 
“Soprattutto in riferimento alle linee ferroviarie Verona-Rovigo e Rovigo-Chioggia – conclude l’assessore De Berti – abbiamo promosso nei mesi scorsi vari incontri con le Amministrazioni comunali interessate, per individuare le migliori soluzioni possibili per sopprimere i passaggi a livello su viabilità pubblica attraverso la realizzazione di viabilità di collegamento o di ‘ricucitura’ di assi stradali esistenti, evitando le molto più impegnative e onerose opere di attraversamento della linea ferroviaria. E lo stesso ha fatto RFI, compiendo numerosi approfondimenti tecnici sulle altre linee ferroviarie regionali”. 
 
Con questi primi interventi si fornisce risposta a una necessità concreta dei territori, portando avanti l’ampio programma nazionale di RFI di soppressione di passaggi a livello, con benefici anche per la regolarità del servizio ferroviario e della circolazione stradale. Negli ultimi due anni, in Veneto, sono stati soppressi 40 passaggi a livello.


Data ultimo aggiornamento: 10/12/2018

infrastrutture treni elisa de berti trasporti